La volta che il New York Times scoprì la pizza

Nel 1944 una rubrica sul cibo del New York Times dedicò un articolo a un cibo che all’epoca doveva apparirgli piuttosto esotico, ed oggi è invece uno dei più facilmente reperibili in città: la pizza.

Come ricostruì l'anno scorso il blog del New York Times sull’archivio del giornale la storia fu pubblicata il 20 settembre del 1944, durante un periodo storico in cui migliaia di soldati americani erano presenti in Italia per via della Seconda guerra mondiale. L’articolo descriveva la pizza come “uno dei piatti più popolari del Sud Italia, specialmente nelle vicinanze di Napoli” e la descriveva come “una torta fatta di pasta lievitata e coperta con vari condimenti, ma comunque sempre con il pomodoro. Ci si possono trovare sopra formaggio, funghi, acciughe, capperi, cipolle e non solo”.

Come tradotto da BergamoPost, l’articolo diceva tra le altre cose:

"Il piatto viene preparato in un angolo del ristorante. Lì i clienti possono osservare come ogni palla di pasta venga premuta fino a diventare un disco alto circa un centimetro e largo, forse, 6 pollici. Poi, con la destrezza di un batterista che percuote il tamburo con le sue bacchette, il pizzaiolo prende il disco e inizia a farlo roteare, prima in una mano e poi nell’altra. Più lo fa roteare, più il disco si allarga, diventando sempre più grande e sempre più fine. Quando ha raggiunto la grandezza desiderata, lo pone su un banco cosparso di farina per ricoprirlo con gli ingredienti richiesti."

L’articolo elogia poi la rapidità di preparazione della pizza, spiegando che bastano pochi minuti perché “il forno viene tenuto a una temperatura straordinariamente alta”, dice che “il bordo della torta è gonfio e rialzato a causa della lavorazione manuale del pizzaiolo” ed elogia il fatto che può essere portata a casa dentro un’apposita scatola.

Con un altro articolo pubblicato sempre sul New York Times tre anni dopo, nel 1947, arrivò la consacrazione definitiva: “La pizza potrebbe diventare uno spuntino popolare come l’hamburger, se solo gli americani la conoscessero”.

La pizza in realtà era arrivata negli Stati Uniti all’inizio del Novecento, portata dagli immigrati italiani, ma per molto tempo fu un pasto conosciuto e consumato quasi soltanto da loro. La Seconda guerra mondiale cambiò le cose: i soldati americani occuparono l’Italia, vennero a conoscenza della pizza e quando finivano i loro turni in guerra e tornavano a casa andavano a cercare posti gestiti da italo-americani per comprare la pizza.

È impossibile oggi sapere con certezza quanti posti nella sola New York vendano la pizza, ma il sito dell’autorità cittadina sulla ristorazione elenca oltre 1.100 locali con un nome che contenga la parola “pizza”.

Estratto dal sito www.ilpost.it

NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

cookies policy

Cosa sono i cookie?

I cookie sono informazioni immesse sul tuo browser quando visiti un sito web o utilizzi un social network con il tuo pc, smartphone o tablet.

Ogni cookie contiene diversi dati come, ad esempio, il nome del server da cui proviene, un identificatore numerico, ecc.. I cookie possono rimanere nel sistema per la durata di una sessione (cioè fino a che non si chiude il browser utilizzato per la navigazione sul web) o per lunghi periodi e possono contenere un codice identificativo unico.

A cosa servono i cookie?

Alcuni cookie sono usati per eseguire autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche sugli utenti che accedono ad una pagina web. Questi cookie, cosiddetti tecnici, sono spesso utili, perché possono rendere più veloce e rapida la navigazione e fruizione del web, perché ad esempio intervengono a facilitare alcune procedure quando fai acquisti online, quando ti autentichi ad aree ad accesso riservato o quando un sito web riconosce in automatico la lingua che utilizzi di solito.

Una particolare tipologia di cookie, detti analytics, sono poi utilizzati dai gestori dei siti web per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso, e quindi elaborare statistiche generali sul servizio e sul suo utilizzo.

Altri cookie possono invece essere utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati (c.d. Behavioural Advertising). Parliamo in questo caso di cookie di profilazione. ( Materiale estrapolato da : http://www.garanteprivacy.it/cookie )

Cookie usati in questo sito: utilizziamo cookie essenziali per consentirti di navigare nel Sito piu’ velocemente e utilizzarne tutte le sue funzionalità. Ci possono essere cookie utilizzati da Google contenenti mappe geografiche di Google Maps, per i form di contatto, social cookie per la condivisione.

I cookie possono essere disattivati in qualsiasi momento seguendo le istruzioni dei propri browser di navigazione e navigando consentite l’utilizzo. 

Accesso Riservato